Maurizio Meo

 

 

 

Fin da piccolissimo mostra una  spiccata attitudine verso la musica, partecipa a competizioni canore e comincia a studiare pianoforte classico. Si avvicina al suo strumento, il basso elettrico,  all'età di 14 anni. Autodidatta, versatile, con una  grande passione per la musica rock, anche se nel suo repertorio e nella sua carriera si sono mescolati molti suoni diversi.

Oggi insegna sia privatamente che presso la Scuola Germanica di Roma; fa parte della direzione artistica ed è docente dei seminari e dei laboratori del Festival  “L’Arte dell’Incontro”, patrocinato dalla Regione Trentino Alto Adige.



 

 

 

Ha collaborato con numerosi artisti come Bungaro, Marco Bellotti, Stefano Zarfati, Corona, Lips, Delgado, Jean Michael Byron (Toto), Piero Brega, Simona Bencini, Franco Fasano, Jacopo Troiani, Manuela Zanie. Nel 2013 entra a far parte dello storico gruppo “Il Rovescio della Medaglia”, rifondato dal chitarrista Enzo Vita, e si esibisce al “The Italian Progressive Rock Festival” di Tokio (Giappone), eseguendo live l’opera “Contaminazione” (1973). Nel 2014 partecipa al tour europeo della Steve Rothery Band, in cui RanestRane è support band. Nel 2015 si esibisce con Steve Hogarth per il suo spettacolo “H Natural” all’Auditorium Parco Della Musica di Roma, suonando la chitarra acustica. È membro degli Alan Soul & Alanselzer di Giulio Todrani e parte integrante del progetto Bop Frog.

 



Nel 2000 ha partecipato come musicista e compositore agli spettacoli teatrali di Gabriele Cirilli. Nel 2002 collabora come musicista e compositore nello spettacolo teatrale con Claudio Gianetto “La mia cattiva Strada”, dedicato a Fabrizio De Andrè. Dal 2003 collabora con i Pandemonium nei loro musical e spettacoli teatrali dedicati a G. Gaber, G. Ferri e ai cantautori genovesi. Nel 2005 collabora con il Maestro Arturo Annecchino per la preparazione della nuova opera del regista tedesco Peter Stein. Dal 2007 collabora come musicista ai musical e agli spettacoli teatrali di Michele Paulicelli (“Forza venite gente”, “E sulle onde viaggiò”, “Madre Teresa”). Ha collaborato all'opera teatrale “La buona Novella” di Fabrizio de Andrè con Mimmo de Tullio (voce), Michele Ascolese (chitarre) e Le Nuvole Ensemble.

 

La sua attività da professionista comincia alla fine degli anni '80 con collaborazioni con la Nuova Fonit Cetra per la realizzazione di sonorizzazioni Rai sia come autore che come musicista. Incide il suo primo disco di progressive rock con i KoxPhidea; nello stesso periodo collabora con i Tukiena. Nel  1998 dà vita a un progetto di musica originale dalle sonorità funky e drum&bass, gli Unicomodo. Collabora come musicista e autore nel disco degli EZRA. Da dieci anni, inoltre, è prezioso collaboratore di Michele Ascolese, chitarrista di Fabrizio De Andrè, nella realizzazione di progetti originali, prima con il gruppo Ondabuena Hotel, in seguito con Iguazù Project, con i quali registra alcuni album e si esibisce live.





 

 

Music Man Stingray 5

Fender Precision ’88
Fender Jazz Squier ‘81
NS Double bass
Amplificatori: Mark Bass
Effettistica: Boss, Ibanez, Art

 

 

STUDI

STUDI

COLLABORAZIONI

TEATRO

COMPOSIZIONI ORIGINALI

STRUMENTAZIONE UTILIZZATA

© Copyright 2015 RanestRane - La Genesi

  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • SoundCloud - Black Circle
  • MySpace - Black Circle
RanestRane_fanclub_NL_logo_white.png